Physical Address

304 North Cardinal St.
Dorchester Center, MA 02124

7 consigli per la sicurezza del kayak da mare

  • Verificare le previsioni meteo e le correnti prima di uscire in mare
  • Indossare sempre il giusto equipaggiamento di sicurezza, come il salvagente e il casco
  • Praticare manovre di auto-soccorso per essere preparati a situazioni di emergenza
  • Rispettare le regole di navigazione e la segnaletica marittima per evitare collisioni o incidenti
  • Mantenere il kayak in buone condizioni e controllare regolarmente l’attrezzatura per eventuali difetti..

Alice Beetlestone è appassionata di kayak da mare fin dall’adolescenza. Come studentessa dell’Università di Bangor, aveva accesso alla splendida costa di Anglesey e del Galles settentrionale.

“Mi piace esplorare l’ambiente marino. Mi piace particolarmente il kayak da mare come modo per avvicinarmi alla fauna selvatica. Poiché si pagaia e si tratta di un’imbarcazione manuale, si può interagire tranquillamente con la natura; spesso gli animali si avvicinano a noi”, spiega.

Il mare, giustamente, è un luogo che incute timore. Bisogna rispettarlo. Ma è anche un ambiente che vogliamo incoraggiare le persone a usarlo in modo sicuro e a goderne.

Alice ha avuto una carriera di guida all’aria aperta, gli ultimi sette dei quali trascorsi in ambienti costieri. Ora lavora per la Royal National Lifeboat Institution (RNLI) del team di sicurezza acquatica, che fornisce consigli su misura ai canoisti a partire da Canoa britannicaCanoa Galles e oltre.

Donna al timone di una scialuppa di salvataggio della RNLI con indosso l'equipaggiamento di sicurezza.
La nostra intervistata Alice Beetlestone in azione! Foto: Josh Cooper/RNLI

“Il mare, giustamente, è un luogo che intimorisce. Bisogna rispettarlo. Ma è anche un ambiente che vogliamo incoraggiare le persone a usarlo in modo sicuro e a goderselo”, afferma l’autrice. Abbiamo chiesto ad Alice i suoi migliori consigli di sicurezza per il kayak da mare, per aiutare i principianti a uscire in acqua.

Per prima cosa, è importante pianificare il percorso in anticipo e avere le giuste attrezzature. Assicurati di avere un kayak da mare sicuro e stabile, con un sistema di sicurezza come una cintura di galleggiamento o un giubbotto salvagente. Inoltre, è sempre consigliabile essere accompagnati da un altro kayakista esperto, soprattutto se sei alle prime armi in questo sport.

È inoltre fondamentale sapere leggere le condizioni del mare e del vento. Il kayak da mare richiede un po’ più di esperienza rispetto al kayak in acque dolci e il mare può essere imprevedibile. Se ci sono troppi vento o onde alte, è meglio rimandare l’uscita in mare al momento giusto.

Altro consiglio importante è imparare a entrare ed uscire dal kayak in modo corretto. Ci sono diverse tecniche che puoi imparare, come il “wet exit” o l’uscita bagnata, che ti permetteranno di uscire dal kayak in sicurezza in caso di necessità.

Infine, non dimenticare di portare con te un kit di emergenza, che comprende una radio o un telefono cellulare impermeabile, acqua e cibo, un kit di pronto soccorso e una coperta termica. In caso di emergenza, è importante poter chiamare subito aiuto.

Ricorda sempre di rispettare il mare, di paddle in sicurezza e di avere rispetto per l’ambiente circostante. Con questi accorgimenti, il kayak da mare può essere un’esperienza divertente e a contatto con la natura incredibile.” conclude l’autrice.

7 consigli di base per la sicurezza in kayak da mare

1. Quando si inizia, rimanere su una spiaggia protetta

Bagnini in piedi su una spiaggia.
I bagnini vi aiuteranno a stare al sicuro quando andate in kayak in mare. Foto: Getty.

Alice ritiene che si debba iniziare il viaggio in kayak da mare sperimentando alcuni ambienti marini più sicuri. In cima alla sua lista ci sono spiagge protette. La RNLI fornisce bagnini in 243 spiagge del Regno Unito durante l’estate.

“Le spiagge sorvegliate sono un ottimo modo per avventurarsi nei mesi estivi, se si sta iniziando a praticare il kayak da mare”, spiega l’esperta. “I bagnini vi daranno consigli su misura a livello locale. Se si pagaia appena fuori dalla spiaggia, c’è un livello di aiuto e supervisione disponibile. I bagnini saranno in grado di indirizzarvi anche in aree libere da bagnanti”.

Sebbene i bagnini abbiano seguito un elevato livello di formazione, il loro lavoro consiste nel prevenire gli incidenti prima che accadano. Monitorano le condizioni della spiaggia e posizionano le bandiere di conseguenza. Se vedete una bandiera rossa sulla spiaggia, significa “non entrare in acqua”, mentre una bandiera a scacchi bianchi e neri indica i confini delle zone riservate ai natanti. Se vi state ancora chiedendo se è il caso di uscire, chiedete a loro.

2. Non cercate di imparare tutto in una sola volta

Una baia riparata in Grecia.
Questa baia riparata è il punto di lancio perfetto per un kayak da mare principiante. Foto: Much Better Adventures

“Uno dei miei consigli è quello di costruire e acquisire esperienza gradualmente. Una volta che si conosce e si capisce l’ambiente diventa più facile, ma il mare è uno di quegli ambienti che si imparano sempre a conoscere”, dice Alice.

Alice consiglia di iniziare con le basi e di scoprire gli ambienti più sicuri da visitare, come le baie riparate dove si può entrare in acqua facilmente. Una volta acquisita sicurezza, è il momento di iniziare a conoscere il meteo, l’effetto delle maree e come pianificare le uscite in barca.

“Sappiate che anche nelle giornate più belle potete girare l’angolo e trovarvi in una corsa di marea, se non sapete che c’è. Quando si è all’inizio della carriera, le persone vengono colte alla sprovvista da situazioni del genere e inconsapevolmente non seguono i consigli corretti”, dice Alice.

3. Ottenere un coaching

Un kayakista maschio che esegue un eskimo roll
Imparare a capovolgersi è un’abilità utile che va appresa con l’allenamento. Foto: Getty.

Il modo migliore per imparare uno sport d’avventura è mettersi in gioco e provare. Tuttavia, Alice consiglia di frequentare un corso di formazione quando si inizia. Nei corsi di kayak da mare si imparano le abilità di base della pagaiata e il tipo di attrezzatura giusta da usare.

“Le guide possono indicare alle persone ogni genere di cose, dalla conoscenza delle maree alle condizioni meteorologiche, e tradurle nell’ambiente in cui ci si sta avventurando. In questo modo si impara a valutare da soli le condizioni. È molto più facile imparare grazie all’esperienza di qualcun altro che da soli”, spiega Alice.

Anche i canoisti più esperti trarranno beneficio dal frequentare uno o due corsi. Abilità avanzate come il capovolgimento e l’autosalvataggio sono fondamentali per chi vuole pagaiare più lontano.

“Le tecniche di salvataggio e autosalvataggio non sono sempre facili in kayak da mare, per questo consigliamo di allenarsi. I kayak da mare veri e propri sono sottili, lunghi e hanno un pozzetto chiuso. Questo è ottimo per l’efficienza sulle lunghe distanze, ma li rende molto diversi dallo scafo piatto e stabile di un kayak sit on top, dal quale si può saltare fuori e risalire molto più facilmente”, dice Alice.

“Ci sono anche molte tecniche di autosalvataggio diverse. Il vantaggio di fare un po’ di pratica è quello di poterle provare e scoprire quali funzionano per voi”, aggiunge.

Si tratta di abilità che devono essere esercitate regolarmente; si tratta di una pratica del tipo “o la usi o la perdi”. Man mano che si cresce in fiducia e si va in condizioni più difficili, bisogna essere in grado di assicurarsi di essere in grado di autosalvarsi”.

4. Preparare un piano di pagaiata

Un escursionista pianifica un percorso in una baita delle Isole Lofoten.
Pianificate il vostro percorso prima di partire! Foto: Getty.

L’uscita in kayak da mare è come qualsiasi altra forma di viaggio avventuroso: non si può improvvisare. È molto importante prepararsi in anticipo, come un piano di pagaiata. Alice consiglia di procurarsi alcuni guida alla pianificazione della pagaiata quando si è agli inizi.

“Se sto pianificando un’uscita, la prima cosa che faccio è controllare le condizioni meteo, le maree e il bollettino delle onde e scegliere una località che vada bene quel giorno. Se le condizioni non permettono di trovare un posto adatto, scelgo un altro giorno per uscire. Se c’è un posto adatto, pianifico il viaggio valutando se è meglio uscire e rientrare da un’unica località o andare da A a B”, spiega Alice.

Tra le altre cose da considerare quando si pianifica un’escursione in kayak da mare, c’è l’accertamento dei punti in cui si può atterrare per un pit-stop, l’assicurazione di avere l’equipaggiamento di sicurezza corretto e la consapevolezza della temperatura dell’acqua.

Un’altra parte importante del piano di pagaia consiste nell’informare qualcuno sulla terraferma su dove si sta andando e su quando si tornerà: lo saprà se ci si trova in difficoltà.

5. Andare con un gruppo

Una vacanza in kayak di Much Better Adventures in Norvegia.
Uscire in kayak con un gruppo è più sicuro, ma anche più divertente! Foto: Much Better Adventures

Il detto “due teste sono meglio di una” è vero quando si tratta di kayak da mare. Alice consiglia sempre di pagaiare con almeno un compagno, indipendentemente dal livello di esperienza.

“Pagaiare in compagnia è un ottimo modo per esplorare un ambiente: ti indicheranno la fauna selvatica che hai avvistato e condivideranno con te quei momenti. Ma sono anche pronti ad aiutarvi se vi ribaltate o vi trovate in difficoltà”, dice l’esperta.

Viaggiare in un piccolo gruppo può arricchire l’esperienza: potrete beneficiare delle conoscenze e dell’esperienza di diverse persone.

6. Portare sempre con sé un mezzo per chiedere aiuto

Se volete fare una richiesta di soccorso, impostate la vostra radio sul canale 16. Foto: Getty.

Ogni canoista che va in mare dovrebbe sempre essere preparato al peggiore degli scenari, che include la necessità di chiedere aiuto. La regola d’oro di Alice per i canoisti di tutti i livelli di esperienza è di portare sempre con sé un mezzo per chiedere aiuto.

“Siamo consapevoli che le cose possono andare storte, anche con la migliore pianificazione. Quindi non abbiate mai paura di chiedere aiuto se pensate di averne bisogno. È meglio essere un po’ imbarazzati che non riuscire a tornare”, dice.

L’opzione più diffusa è il telefono cellulare, che deve essere contenuto in una custodia impermeabile e portato con sé, preferibilmente nella tasca dell’aiuto al galleggiamento. Se si utilizza un telefono cellulare, comporre il 999 e chiedere della Guardia Costiera.

Un’altra opzione è il personal locator beacon, un piccolo dispositivo in grado di inviare un segnale di soccorso che può essere captato dalle squadre di ricerca e salvataggio. La terza opzione è una radio VHF. Se vi trovate in difficoltà, passate al canale 16 e dite “mayday” e il vostro nome, per tre volte. Seguite con una descrizione dell’incidente e, se possibile, le coordinate – alcune radio VHF contengono unità GPS.

Alice consiglia anche un’applicazione chiamata RYA SafeTrx. I canoisti possono pre-registrare i loro viaggi su questa applicazione e usarla per tracciare la loro posizione. È possibile chiedere aiuto attraverso l’applicazione, monitorata dalla guardia costiera, che avrà accesso ai vostri dati, come i contatti di emergenza e una descrizione del vostro kayak.

Per saperne di più: Il Opuscolo sulla sicurezza dei kayak della RNLI vi fornirà ulteriori informazioni

7. Indossare l’abbigliamento giusto

Un kayaker durante il viaggio Hike and Kayak the Norwegian Fjords di Much Better Adventures.
È importante vestirsi bene, anche nelle giornate di sole. Foto: Much Better Adventures.

Quando si pratica il kayak da mare, è necessario assicurarsi di indossare un abbigliamento adeguato. Un casco impedirà alla testa di urtare contro le rocce in caso di capovolgimento. Un aiuto al galleggiamento (giubbotto di salvataggio) correttamente indossato vi aiuterà a rimanere a galla nell’acqua. Sebbene molti kayakisti marini principianti siano assidui nell’indossare l’abbigliamento, è anche importante indossare una quantità sufficiente di indumenti caldi.

“Soprattutto in primavera, quando c’è bel tempo, è facile dimenticare che l’acqua è ancora molto fredda: bisogna vestirsi per la temperatura dell’acqua e non per il fatto che è una bella giornata di sole”, dice Alice.

Alice consiglia di indossare una muta o una muta stagna tutto l’anno, in modo da avere maggiori possibilità di rimanere al caldo se si finisce in acqua fredda.

Vi sentite ispirati? Se state cercando un corso di kayak da mare in una località idilliaca, date un’occhiata alle nostre avventure in kayak.

Sommario

Alice Beetlestone, esperta di kayak da mare che lavora per la Royal National Lifeboat Institution (RNLI), fornisce consigli di sicurezza per i principianti. Consiglia di iniziare sulla spiaggia protetta, di costruire esperienza gradualmente, di ottenere un coaching, di preparare un piano di pagaiata, di andare con un gruppo, di portare sempre con sé un mezzo per chiedere aiuto e di non sottovalutare il rispetto che si deve avere del mare. Alice consiglia che se non si conosce l’ambiente, si dovrebbe pagaiare con almeno un compagno e pianificare il viaggio con precisione.

FAQ

Quali sono i migliori tipi di kayak per il mare?

I migliori tipi di kayak per il mare sono quelli con forme strette e lunghe, come i kayak da mare, i kayak da touring o i kayak di mare aperti.

Quanto costano i kayak da mare?

Il prezzo dei kayak da mare varia a seconda delle dimensioni, dei materiali utilizzati e delle loro caratteristiche. I kayak da mare di fascia alta possono costare anche più di 2000 euro.

Quali sono i principali consigli per la sicurezza del kayak da mare?

I principali consigli per la sicurezza del kayak da mare sono: indossare sempre il giubbotto di salvataggio, non andare mai troppo lontano dalla riva, verificare le condizioni meteorologiche e delle maree, conoscere bene la zona in cui si va a navigare, portare sempre con sé un telefono cellulare e/o una radio VHF, e segnalare sempre a qualcuno il proprio itinerario.

Quali sono gli accessori indispensabili per il kayak da mare?

Gli accessori indispensabili per il kayak da mare includono: il giubbotto di salvataggio, la pagaia, un kit di primo soccorso, una bussola, un’ancora di rispetto, una radio VHF e un visore impermeabile.

Quanto è difficile imparare a fare kayak da mare?

L’apprendimento del kayak da mare dipende dalla propria esperienza pregressa, dalla propria condizione fisica e dalla capacità di padroneggiare l’equilibrio in acqua. In generale, con un po’ di pratica e di impegno, si può imparare a fare kayak da mare in poche settimane.

Quali sono le migliori destinazioni per il kayak da mare?

Le migliori destinazioni per il kayak da mare sono quelle che offrono acque calme e cristalline, una natura incontaminata e paesaggi mozzafiato. Tra le migliori destinazioni al mondo si possono citare le coste della Norvegia, della Nuova Zelanda, dell’Australia e della California.

Quali sono i principali vantaggi del kayak da mare?

I principali vantaggi del kayak da mare sono la possibilità di esplorare la natura incontaminata, di godere di momenti di relax e di meditazione, di fare attività fisica all’aria aperta e di provare emozioni uniche e indimenticabili.

2 Commenti Testo
  • Commento: Sono completamente d’accordo con la risposta data. Il kayak da mare è un’attività che permette di immergersi nella natura e di godere di paesaggi meravigliosi. Le destinazioni citate sono davvero splendide e offrono acque cristalline e una natura incontaminata. La possibilità di esplorare questi luoghi in kayak è un’esperienza unica, che permette di vivere momenti di relax e di meditazione, oltre ad essere un’ottima attività fisica all’aria aperta. Non c’è nulla di più emozionante che navigare su un mare calmo e sentire la sensazione di libertà che solo il kayak può regalare. È davvero un’esperienza indimenticabile.

    • Grazie per il tuo commento entusiasta sul kayak da mare. Siamo lieti che tu condivida la nostra passione per questa meravigliosa attività all’aria aperta. Sì, effettivamente il kayak da mare offre un’esperienza unica per immergersi nella natura e godere di paesaggi mozzafiato. Le destinazioni citate sono davvero splendide e permettono di esplorare acque cristalline e una natura incontaminata. Siamo d’accordo sul fatto che il kayak sia un’attività che offre momenti di relax, meditazione e una sensazione di libertà incomparabile. Grazie ancora per il tuo commento e speriamo che tu possa continuare a vivere esperienze indimenticabili in kayak da mare.

  • Lascia una risposta